giovedì, dicembre 14, 2006

Le tessere del domino

Paola Maugeri non c'è più. O meglio, c'è ma è come se non ci fosse. La sua resistibile ascesa nei palinsesti di MTV l'ha portata in breve tempo a passare dai pomeriggi giovanilistici di Select alle prime serate monografiche di A night with, per poi passare alla seconda serata con Brand new, una trasmissione che sembrava fatta su misura per lei. Tanta musica, tante chiacchiere e un sacco di ospiti stranieri per mostrare quanto è brava con l'inglese. Non so cosa sia successo, se qualcosa è successo, fatto sta che la povera Paola non si è fermata neanche sta volta ed ha ricominciato il suo peregrinare nel palinsesto televisivo verso un destino che probabilmente la porterà a condurre, tra qualche anno, Unomattina o qualche lezione universitaria del progetto Nettuno. Paola se ne è andata da MTV per approdare a la7 dove conduce 25a ora - Il Cinema Espanso, un programma che parla di cinema mostrando, quando possibile, corti e documentari italiani.
Il titolo omaggia un film di Spike Lee ma richiama anche che l'orario da nottambuli in cui il programma va in onda, un orario assurdo come da tradizione per gli spazi dedicati al cinema nella televisione italiana. Dicevo che non so cosa sia successo nei corridoi paralleli dei canali tronchettiani, quale sia stata la prima tessera del domino a cadere, fatto sta che la venuta a 25a ora della Maugeri, che di cinema ne sa come mia nonna alle prese con l'installazione di una scheda di rete su un sistema linux, ha comportato la partenza del precedente conduttore, l'ottimo critico Steve Della Casa. Il colmabile vuoto creatosi a Brand New è stato riempito da una faccia televisivamente nuova, il tatuato regista Alex Infascelli, regista cinematografico e di video musicali, che presenta con finta svogliatezza come da tradizione del programma. Ora mi chiedo, ma non era meglio lasciare la Maugeri, in teoria esperta di musica, a Brand New e mettere Infascelli a 25a ora? E ancora. Con chi devo prendermela per aver dovuto assistere all'intervista di Luca Sofri che, sdraiatosi sul divano di pelle di Brand New, promuoveva la sua ultima faticaccia letteraria, una scopiazzatura malriuscita di Nick Hornby? Il principe ranocchio, folgorato sulla via del rock dall'iPod, si è lanciato poi in una dimenticabile generalizzazione degna di Guglielmo Giannini affermando che esiste la categoria precisa degli ipodders consistente in "trentenni, urbani, curiosi del mondo". Dopo una stronzata del genere con chi me la devo prendere? Con Infascelli? Con Steve Della Casa? Con Tronchetti Provera? Con la Maugeri certamente. E' lei la prima tessera del domino. Una di quelle senza numeri.

4 commenti:

luca ha detto...

Con te stesso, che non sai goderti la vita, o hai perso il telecomando. L.

maestro.Perboni ha detto...

Infascelli, anche se viaggia su un'orbita diversa da quella della lingua italiana, è simpatico. Ma ti prego, togli l'immagine del frog prince, è orribile.

duffogrup ha detto...

Caro luca, godersi la vita e guardare MTV non hanno alcun elemento in comune. Te lo dico così brutalemente perchè la verità detta così fa meno male. Detto questo, per decenni ho visto quintalate di cacca in tv sinceramente sono stufo di prendermela con me stesso. CHe cominci pure chi fa la televisione a vergognarsi della pochezza di quello che propone. Minisofri compreso.

Anonimo ha detto...

good start